Il Consiglio Direttivo eletto in carica nel mandato 2021-2024, è così composto:

 

PRESIDENTE      Gian Luigi Tiberio

VICE PRESIDENTE      Anna Maria Bergamin Bracale

SEGRETARIO     Guido Cappelletto

TESORIERE     Andrea Fattori - Odontoiatra

CONSIGLIERI

Giandomenico Barazzutti - Odontoiatra

Giovanni Benedetti

Stefano Celotto

Nicola Collini

Tiziana Del Bianco

Valeria Agata Leo

Monica Liberale

Paolo Nadbath

Luciano Prelli

Emanuele Rampino Cordaro

Massimo Robiony

Annalisa Someda

 

COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI

PRESIDENTE           Giandomenico Barazzutti

VICE PRESIDENTE      Ignazio Stella

COMPONENTE CAO     Beatrice Piccoli

COMPONENTE CAO     Erik Augusto Zampieri

 

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

Presidente: Dott. Antonio Gonano

Revisore Effettivo: Dott. Maria Balsamo

Revisore Effettivo: Prof. Giulio Romano

Revisore Supplente: Dott. Dejan Lovato

Notizie per gli iscritti

dottoremaeveroche.it sui social

Comunicato stampa del Consiglio Direttivo

 inviato a tutte le testate in data 11/05/2022, Prot. n.3002

Recentemente si è sviluppata una polemica attorno all’Ordine dei Medici di Udine in merito ad alcune dichiarazioni del Presidente Gian Luigi Tiberio riportate in un’intervista ad un quotidiano locale, Il Gazzettino, e poi ripresa da numerosi colleghi ed associazioni nazionali rappresentative del mondo giovanile della medicina.

In merito a queste dichiarazioni, crediamo ci sia assoluto bisogno di fare chiarezza, anche alla luce delle polemiche che si sono innescate di conseguenza.

Innanzitutto è necessario sottolineare che quanto riportato dalle interviste non rappresenta assolutamente il pensiero del Presidente né del Consiglio dell’Ordine dei Medici e che tali espressioni non corrispondono alle parole e ai concetti pronunciati dal dott. Tiberio. L’intervista era centrata sui risultati dell’indagine dell’istituto Piepoli “La condizione dei Medici a due anni dall’inizio della pandemia da Covid-19”, recentemente presentata a Roma dalla FNOMCEO alla presenza del Ministro della Salute. Di tali importanti e preoccupanti risultati che mettono in evidenza il grave disagio subito dalla categoria a seguito dell’improvviso sovraccarico dell’attività lavorativa legato alla pandemia, non vi è traccia nell’articolo.

Immagine introduttiva dell'articolo

Ammissione al corso triennale di Formazione in Medicina Generale della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per il triennio 2021/2024

Oggetto: Ammissione, tramite graduatoria riservata, ai sensi dell’art. 12, comma 3, del D. Legge n.35/2019 convertito in L. n. 60/2019, al corso triennale di Formazione in Medicina Generale della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per il triennio 2021/2024.

Si comunica che con Decreto del Direttore Generale di ARCS n. 67 del 28 aprile 2022 è stato ammesso, tramite graduatoria riservata, ai sensi dell’art. 12, comma 3, del D. Legge n. 35/2019 convertito in L. n. 60/2019, al corso triennale di Formazione in Medicina Generale della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per il triennio 2021/2024, il candidato sotto indicato: 
 
- ID domanda 2928655, in possesso dei titoli richiesti e regolarmente documentati;
 
È già stata richiesta la pubblicazione sul BUR della Regione.
 
ARCS Azienda Regionale di Coordinamento per la Salute
Sede legale Udine – Via Pozzuolo 330 Tel.: + 39 0432/1438010
P. IVA/C.F. 02948180308 PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Immagine introduttiva dell'articolo

La resa dei medici italiani: un terzo sogna la pensione, soprattutto i più giovani. Anelli (FNOMCeO): “Dato scioccante che fa riflettere. Stiamo uccidendo la speranza. Noi amiamo questa professione, chiediamo di poterla esercitare con l’entusiasmo degli i

Tutti i numeri dell’Indagine “La condizione dei medici a due anni dall’inizio della pandemia da Covid-19”, presentata alla Conferenza nazionale sulla Questione medica

Un terzo dei medici italiani, potendo, andrebbe subito in pensione. E, a sognare di poter barattare istantaneamente il camice bianco con una spiaggia esotica o una panchina al parco è proprio la “fetta” più giovane della Professione: il 25% dei medici tra i 25 e 34 anni e il 31% di quelli tra i 35 e i 44 anni.

Link utili