Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.
Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Nuove regole su riconoscimento titoli di studio esteri

Cambiano le regole in materia di riconoscimento dei titoli di studio conseguiti dai professionisti della Sanità in paesi della Comunità europea o extracomunitari. L’aggiornamento arriva dal decreto ministeriale 268/2010, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale di sabato scorso. Il testo riguarda medici (chirurghi, specialisti o veterinari), farmacisti, odontoiatri, psicologi, ostetrici, tecnici di radiologia e infermieri che presentano richiesta di riconoscimento dei titoli maturati all’estero: una volta accolta dal Ministero la domanda, il candidato dovrà sottoporsi a un esame attitudinale diretto «ad accertare le conoscenze, le competenze e le abilità necessarie per l’esercizio della professione», imperniato sulle materie sulle materie che «non sono contemplate dai titoli di formazione del richiedente e la cui conoscenza è condizione essenziale per poter esercitare in Italia la relativa professione». L’esame, in particolare, consiste in una prova scritta o pratica e in una prova orale, subordinata al superamento della prima. Lo scritto consiste in un questionario a risposta multipla, la prova pratica in una dimostrazione di competenze e abilità «inerenti l’esercizio della professione e riferite a casi operativi». In caso di esito positivo dell’esame, il candidato accede a un periodo di tirocinio formativo non superiore ai tre anni, da effettuare nelle università sede di corso di laurea, negli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico o in una struttura ospedaliera del Ssn. Al termine, una relazione curata dai tutor del tirocinante trasmessa al ministero della Salute certificherà la preparazione del professionista o valuterà l’opportunità di un prolungamento del tirocinio.